I miei libri


lunedì 17 luglio 2017

Recensione: "Il Giardino degli Aranci - Il mondo di Nebbia" di Ilaria Pasqua (Nativi Digitali Edizioni)

Carissimi astronauti,
è un po' che cerco di scrivere la recensione a questo libro che ho ormai letto un mese fa.
Vediamo se oggi non mi sorgono altre incombenze... (speriamo) intanto comincio!




Titolo: "Il Giardino degli Aranci - Il mondo di Nebbia"
Autrice: Ilaria Pasqua
Editore: Nativi Digitali Edizioni
Genere: Distopico, Fantasy
Data di uscita: 9 Maggio 2016
Pagine: 218
Formato: cartaceo ed ebook
ISBN: 978-8898754441
Prezzo: € 10,00 cartaceo / € 1,99  ebook
Link per l'acquisto: amazon


Sinossi:
Il Mondo di Nebbia, dove Aria e il fidato amico Henry vivono e frequentano un liceo come tanti altri ragazzi, nasconde dei segreti inquietanti, come incubi che prendono forma e sono in qualche modo collegati ai Cinque Sacerdoti, misteriosi individui che controllano la città.
Aria non è però una ragazza come tutte le altre: in quel mondo ha la sensazione di "girare a vuoto", e dentro di sé sospetta che dietro ai suoi incubi ci siano verità dimenticate... sarà l'incontro con Will, che come lei sembra frustrato e insoddisfatto da quella realtà, a rivelarle che tutto quello in cui credeva prima è nient'altro che un'illusione. Qual è la verità dietro quel mondo? Chi sono i Cinque? E in che modo Aria ha il potere di cambiare tutto?
"Il Mondo di Nebbia", ora con un nuovo editing, è la prima parte della trilogia fantasy-distopica "Il Giardino degli Aranci". Ilaria Pasqua ci guida in un mondo ricco di misteri, una realtà che sembra annullare i ricordi dolorosi, ma che nasconde molte ombre. Sarà la strana brigata di Aria, Will ed Henry, unita da una forte amicizia (ma non solo) a squarciare i veli della nebbia?


Le recensioni e gli articoli di Universi Incantati

Ho scoperto questa serie solo un annetto fa, e mi bastò leggere che si trattava di un distopico per provare subito un forte interesse, dato che non ce ne sono molti in circolazione, specie made in Italy. Ho iniziato a leggere questo primo volume che mi ricordava sempre più "The Giver - Il donatore" di Lois Lowry, finché a un certo punto il romanzo prende una piega insospettabile, originale e sorprendente.

Voglio dirvi subito che "Il Giardino degli Aranci" non è il classico distopico: certo, al suo interno c'è sempre quella morale e quegli stimoli a riflettere sui comportamenti del genere umano, ma piuttosto che riferirsi alla società insensibile e ridotta a comportarsi come automi, si basa su un unico e preciso evento che ha coinvolto (e stravolto) la protagonista e i suoi amici, un evento che si tiene abilmente nascosto per più della metà del romanzo. Ne "Il Giardino degli Aranci" si scava nell'animo dei protagonisti Aria, Henry e Will con un'introspezione tale che la storia diventa al contempo un romanzo di formazione, in particolar modo, di accettazione, perché tratta un tema complesso che è quasi un tabù. Sarebbe riduttivo definirlo young adult e romance, perché potrebbe benissimo riguardare anche un adulto, e anzi, è interessante notare come reagiscono gli adulti rispetto ai giovani davanti alla verità, come se gli adulti avessero perso ogni speranza e preferissero arrendersi e accontentarsi. I giovani, invece, sono più curiosi e vanno in cerca di stimoli, si pongono più domande; Aria e Will ne incarnano il tipo. Ciò nonostante, ci sono delle eccezioni sia nel mondo degli adulti sia in quello degli adolescenti: ogni personaggio si mostra nella sua completa personalità, dunque nessuna reazione risulta scontata (le uniche perplessità le ho avute nei confronti della nonna di Aria, che non è affatto la classica nonnina amorevole ma si stacca completamente dagli stereotipi).

Come avrete forse intuito ci sto girando intorno, ma è bene che non vi riveli cosa si nasconde sotto a questo primo volume "Il mondo di nebbia"; vi rovinerei la sorpresa e il suo graduale coinvogimento nelle vite dei protagonisti; il romanzo riesce infatti a essere molto misterioso e intrigante, e rivelando pochi indizi, di volta in volta, stimola il lettore a tentare d'indovinare i possibili collegamenti e a ipotizzare la soluzione dell'enigma. Vi dico solo che i fatti che racconta sono realistici, pertanto, il mondo in cui si svolge la storia fornisce interessanti spunti di riflessione.





Agli occhi di un estraneo quel gruppo misto di persone, sarebbe potuto apparire come un plotone di condannati scortati all'inferno da spettri maligni. Infatti, gli incubi erano subdoli, ti seguivano, silenziosamente, strisciando nell'ombra, erano come una catena sottile che ti legava al tuo inconscio, a una parte buia della tua mente a cui non potevi accedere, e che però eri costretto a portarti dietro. E ancora
peggio, mostrarla al prossimo.
In molti individui c'era una sorta d'imbarazzo, come se gli altri potessero scorgere
nell'incubo vero e proprio, il buio della propria anima.





Ho elencato i vari generi toccati dal romanzo, ma mi sento di affermare che il libro abbraccia sia il fantasy sia la fantascienza: Aria, Henry e Will vivono in questa società ipercontrollata dove chi sogna, la mattina dopo vede materializzarsi il suo incubo in un animale o in un oggetto che gli "pesa addosso" tutto il tempo, finché non se ne sbarazzano (fantasy); per sbarazzarsene, le persone sono tenute a recarsi presso dei punti raccolta dove gli incubi sono letteralmente aspirati da dei tubi che, a a loro insaputa, fornisce energia agli enigmatici Cinque Sacerdoti e alla città intera. Al di sotto dello stabile in cui vivono i Cinque, sono celati dei laboratori dove numerosi scienziati (gli unici a sapere la verità) si pongono a loro servizio (fantascienza) in attesa della comparsa del sigillo e/o della chiave che determinerà il destino della società intera (fantasy). Questo microcosmo, però, fa parte di una realtà molto più grande che vede protagonisti una vecchia e un altro essere di dubbia identità; alla fine del libro, però, quest'altro grande mistero rimane, probabilmente in attesa di esplodere nei volumi successivi!

Lo stile di scrittura è scorrevole e il libro si legge tutto d'un fiato, alimentati dalla curiosità di scoprire cosa si cela al centro della vicenda. Le descrizioni dell'ambientazione sono sufficienti a immaginare il mondo in cui i protagonisti si muovono, ma sono soprattutto loro, i personaggi e le loro relazioni, la carta vincente dell'opera. La narrazione parte con Aria, ma in seguito leggeremo il punto di vista di ogni protagonista e sarà automatico provare coinvolgimento ed empatia nei confronti di ognuno dei tre. Molto ben gestita la fase della rivelazione che salta da un protagonista all'altro, dove la lettura raggiunge il picco massimo di phatos, oltre ad essere fortemente avvincente con gli eventi che s'incastrano alla perfezione fino a formare il mosaico completo.

Se proprio dovessi fare un appunto è riguardo alla fase finale, dove i "cattivi" al servizio dei Cinque Sacerdoti si comportano in modo fin troppo leggero e sembrano poco credibili, mentre la fase successiva è così enigmatica che riesce un po' difficile star dietro alla fantasia sfrenata dell'autrice... ma per risolvere il caso c'è il seguito, giusto? E io sono incredibilmente curiosa. All'inizio, inoltre, si cita spesso il padre di Aria scomparso nel nulla, per cui mi ero fatta l'idea che si trattasse di una storia famigliare: mi ha un pochino deluso che questa parte sia stata lasciata indietro per risaltare, invece, la storia d'amore; d'altra parte, però, i romanzi young adult spesso nemmeno citano la famiglia, e sono certa che la vicenda del padre di Aria non sia finita qui.

In conclusione, un distopico di quelli che non ci si aspetta, con un risvolto originale che si nasconde abilmente nel corso di tutto il romanzo. Ricco di mistero e con un buon intreccio, è una storia d'amore e di sincera amicizia, basato soprattutto sul superamento di profonde ferite.
Consigliato ai giovani lettori ma anche agli adulti, perché il dolore non ha età e spesso, per superarlo, occorre affrontarlo insieme.
Questo romanzo potrebbe anche aiutare a farlo.


Il voto di Universi Incantati:





Nessun commento:

Posta un commento

Lascia una traccia di te nello spazio! Io la seguirò, e ti risponderò :)

La mia serie Urban Fantasy / Paranormal Romance / Sci-Fi


Creative Commons License

Questo blog è sotto licenza Creative Commons.
Articoli e recensioni sono opera di Valentina Bellettini, mentre i diritti delle opere segnalate restano proprietà dei rispettivi autori e case editrici.

Le immagini ed i video contenuti nel blog sono in genere sotto lincenza Royalty free, oppure sono stati presi dal web, quindi considerati di pubblico dominio. Per qualsiasi problema di copyright contattatemi e le immagini saranno rimosse. Grazie per la collaborazione!
Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Universi Incantati partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it/it
Amazon e il logo Amazon sono marchi registrati di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate