lunedì 13 maggio 2013

Commento a "Stardust" di Neil Gaiman (Mondadori)





Trama:
In una fredda sera di ottobre una stella cadente attraversa il cielo e il giovane Tristran, per conquistare la bellissima Victoria, promette di andarla a prendere. Dovrà così oltrepassare il varco proibito nel muro di pietra a est del villaggio e avventurarsi nel bosco dove ogni nove anni si raccoglie un incredibile mercato di oggetti magici. È solo in quell'occasione che agli umani è concesso inoltrarsi nel mondo di Faerie. Tristran non sa di essere stato concepito proprio lì da una bellissima fata dagli occhi viola e da un giovane umano e non sa neppure che i malvagi figli del Signore degli Alti Dirupi sono anche loro a caccia della stella...

Il mio commento:
Quando il film supera il libro
Incredibile, eppure mi è piaciuto di più il film (probabilmente è la prima volta che mi succede)! Una cosa su tutte è che la stella del libro non brilla quasi mai (lo menziona solo alla fine dicendo che lo fa di notte), mentre nel film lo faceva in precisi momenti dove era evidente che il farla brillare era l'amore che provava per Tristran... senza questo particolare la storia perde di magia e romanticismo. Manca anche un po' di pazza ironia, perché il capitano della nave (nel film interpretato da Robert De Niro) qui non lo scopriamo vestirsi col tutù (scena forse un po' kitch ma davvero buffa! Probabilmente perché non avevo mai visto De Niro conciato in quel modo!) e fa una brevissima apparizione. Guardando al libro in sé e dimenticandoci del film, beh, anche in quel caso non sono molto soddisfatta: ho trovato alcune scene decisamente "fredde", ad esempio quando Tristran si riunisce alla madre e scopre la verità sulle sue origini, per non parlare della rivelazione di Victoria, dove anche in quel caso Tristran non fa una piega (quando non ha fatto altro che parlare di lei per 230 pagine) e addirittura quando sceglie di stare con Yvaine non si dice il perché, non si fa luce sui suoi sentimenti... insomma, un personaggio piatto, vuoto! In effetti manca una precisa caratterizzazione di tutti i personaggi, e in generale le descrizioni sono ridotte al minimo, come certi passaggi all'interno della storia; perché non approfondire? Perché non creare altri paesaggi incredibili come il bosco fatato, e abbandonare l'unico personaggio memorabile, arguto, saggio e simpatico, l'omino peloso? Un vero peccato. Un libro che si legge comunque con piacere, leggero, che riesce a emozionare con le sue ultime parole, ma che per questo fa rimpiangere il fatto che tale sensibilità venga lasciata solo alla fine.

lunedì 6 maggio 2013

Segnalazione Premio Letterario Nazionale di Calabria e Basilicata

Doppia segnalazione, oggi!

Il Musagete - Istituto culturale della Calabria, rappresenta ventisette anni di storia della cultura contemporanea nella regione Calabria e sul territorio nazionale. Ha al suo attivo migliaia di ore di eventi, di reading e di premi letterari. Ebbene, quest'anno Il Musagete indice la terza edizione del Premio Letterario Nazionale di Calabria e Basilicata.
Di seguito, il Bando del concorso.


IL MUSAGETE – Istituto Culturale della Calabria indice il

PREMIO LETTERARIO NAZIONALE
DI CALABRIA E BASILICATA

(Terza Edizione - 2013)



Sei le sezioni a concorso:

Sez. A – Poesia inedita in lingua italiana

Sez. B -  Poesia inedita in dialetto

Sez. C -  Racconto inedito

Sez. D – Opera inedita

Sez. E -  Libro edito

Sez. F -  Giornalismo


1)   Si partecipa alla Sez. A inviando da 1 a 3 poesie inedite a tema libero, anche se già premiate, (max 50 versi ciascuna), in quattro copie, di cui una sola recante la firma, l’indirizzo, il numero telefonico e l’eventuale email dell’autore.

2) Si partecipa alla Sez. B inviando da 1 a 3 poesie in dialetto, anche se già premiate, (max 50 versi ciascuna), con la relativa traduzione in italiana, in quattro copie, di cui una sola recante la firma, l’indirizzo, il numero telefonico e l’eventuale email dell’autore.

3) Si partecipa alla Sez. C con un unico racconto inedito, anche già premiato, a tema libero e avente una lunghezza non superiore alle 10 cartelle, ciascuna delle quali non dovrà superare le 40 righe di 80 battute. Anche in questa sezione bisogna spedire quattro copie, di cui una sola recante la firma, l’indirizzo, il numero telefonico e l’eventuale email dell’autore.

4) Si partecipa alla Sez. D inviando una silloge di poesie inedite in lingua italiana o in dialetto con traduzione italiana a fronte, anche se già premiata, ( minimo 25 max 50 liriche); o una raccolta di racconti, anche se già premiata, (minimo 40 cartelle, max 150); o un romanzo inedito, anche se già premiato, ( minimo 40 cartelle, max 150); o un’opera di saggistica inedita, anche se già premiata ( minimo 40 cartelle, max 150); o un’opera teatrale inedita in lingua italiana, anche se già premiata (max 70 cartelle). L’opera con cui si intende partecipare dovrà essere inviata in quattro copie, di cui una sola recante la firma, l’indirizzo, il numero telefonico e l’eventuale email dell’autore.

5)  Si partecipa alla Sez. E con un libro edito nei tre anni precedenti la data di scadenza del bando. Il libro potrà essere una raccolta di poesie in lingua italiana o in dialetto, o una raccolta di racconti, o un romanzo, o un libro di saggistica, o un testo teatrale in lingua italiana o in dialetto. Il libro con cui si intende partecipare dovrà essere inviato in quattro copie, di cui una sola recante la firma, l’indirizzo, il numero telefonico e l’eventuale email dell’autore.

6) Si partecipa alla Sez. F con un articolo a tema libero pubblicato su quotidiani, periodici, agenzia di stampa e testate on-line nei tre anni precedenti la data di scadenza del bando. L’articolo (originale o fotocopia), con i dati e il recapito dell’autore dovrà essere inviato in quattro copie. Il nome della testata, dell’autore e la data di pubblicazione dovranno essere ben leggibili.

7)  È  richiesto un contributo di partecipazione di Euro 15,00 per ogni sezione, da versarsi sul conto corrente postale N. 78525367 intestato a Bonifacio Vincenzi – Via Manzoni, 6 – 87072 Francavilla Marittima (CS). Fotocopia della ricevuta dovrà essere allegata agli elaborati.

8) Le opere e il contributo di partecipazione dovranno essere inviati entro e non oltre il 29 giugno 2013 al seguente indirizzo: Premio Letterario Nazionale di Calabria e Basilicata – C/o Bonifacio Vincenzi – Via Manzoni, 6 – 87072 Francavilla Marittima (CS).

9) Una speciale Giuria assegnerà ai primi classificati di ogni sezione un’artistica targa, un diploma e un’opera d’arte di un artista calabrese. Targhe, diplomi e opere di artigianato a tutti gli altri premiati. La Giuria, inoltre, fra tutti i vincitori delle sei sezioni a concorso, sceglierà due opere e assegnerà  un premio di 300 Euro per l’inedito e un premio di 300 Euro per il libro edito. Tale premio è da considerarsi come rimborso spese e sarà consegnato solo se l’autore sarà presente alla cerimonia di premiazione.

10) Ogni autore è responsabile di quanto contenuto nei propri elaborati e in caso di plagio ne risponderà personalmente.

11) La Giuria sarà composta da personalità del mondo letterario. La cerimonia di premiazione si svolgerà in Calabria. La data e il luogo saranno comunicati tempestivamente a vincitori e segnalati. Notizie sulla cerimonia di premiazione e l’elenco dei premiati saranno pubblicati sul sito dell’Istituto culturale della Calabria (www.ilmusagete.it )

12) L’operato della Giuria è insindacabile. La partecipazione al Premio implica la piena e incondizionata accettazione del presente regolamento. Le opere inviate non saranno restituite.


Ulteriori informazioni:

Cell. 327 2476 227 
bellini@ilmusagete.it
bonifaciovincenzi@libero.it


Risultati del concorso “Le terre del Mithril” di Antipodes Casa Editrice

Antipodes Casa Editrice comunica che il concorso “Le terre del Mithril” si è concluso e che i racconti sono stati selezionati.

Dal sito www.antipodes.it.:

"Antipodes Casa Editrice è lieta di presentare l’antologia “Le terre del Mithril” nata dalla selezione dei racconti partecipanti all’omonimo concorso:

Aquamarina di Daniele Cutali
Luna Piena di Luana Semprini
Il Crepuscolo dei luminosi di Spartaco Mencaroni
La fine di un’era di Raffaele Nucera
Le torri dei ragni di Francesco Cacciatore
Qualsiasi cosa tu voglia di Sara Nicastro
Il destino di Nephilim di Matteo Pratticò
Respiro di drago di Alessia Lo Bianco
La Reliquia di Flavio Graser
Il senso della giustizia di Savino Princigalli

L'antologia "Le terre del Mithril", inizialmente pensata come e-book, verrà invece stampata su supporto cartaceo, scelta economicamente più impegnativa per la Casa Editrice ma che meglio si presta al genere ed alla qualità dell'opera.
Cogliamo l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto questa iniziativa, blogger, redazioni di siti specializzati, appassionati del genere fantasy, ma soprattutto i partecipanti al Concorso che hanno inviato i loro racconti dimostrando talento, originalità ma anche, come traspare dai testi inviati, rispetto per i valori fondamentali della vita quali amicizia, famiglia, amore per la patria.
Non essendo stato possibile premiare tutti i candidati (veramente tantissimi!) abbiamo dovuto effettuare una selezione ma, fiduciosi in un’altrettanto calda partecipazione ci proponiamo di indire una seconda edizione del Concorso e rimandiamo tutti gli aspiranti autori a seguirci per gli aggiornamenti."

Complimenti ai vincitori!


La mia serie Urban Fantasy / Paranormal Romance / Sci-Fi